Fiducia supplicans: breve nota sulle note di alcune Conferenze episcopali

 

 



La strumentalizzazione di alcuni giornalisti offusca la vera posta in gioco: non lo scontro “contro Bergoglio” ma i contesti culturali e le tradizioni socio-religiose fanno da sfondo alle Note di alcune Conferenze episcopali. Ogni cultura ha propri tempi e propri spazi e ha bisogno di gradualità per comprendere ciò che accade in altri spazi e in altri tempi. Ma la dottrina non va confusa con la cultura. 
 




Umberto Rosario Del Giudice

 

Nelle ultime settimane, e dopo la pubblicazione di Fiducia supplicans, da varie Conferenze episcopali sono state pubblicate delle Dichiarazioni (Note o Comunicati), la maggior parte delle quali tese a confermare la lettura della Dichiarazione del Dicastero per la dottrina della fede, per la quale la “benedizione pastorale” non vale come riconoscimento di un “matrimonio per le coppie dello stesso sesso”, o a ribadire la totale esclusione delle “coppie dello stesso sesso” dalla vita sacramentale.

 

Evidenze

Se le Conferenze episcopali devono intervenire per ribadire le stesse categorie della Dichiarazione è evidente che i “fedeli” non sono abituati a leggere i documenti nella loro prima fonte.

Molte testate giornalistiche hanno strumentalizzato tanto la Dichiarazione del Dicastero quanto le dichiarazioni delle Conferenze.

In alcune zone del mondo la tensione sociale sui temi relativi alla “omosessualità” o al “sesso” in genere è altissima ed è confermata dalla “illegalità” degli atti omosessuali o della condotta omosessuale che può essere sanzionata financo con l’ergastolo.

 

Una breve panoramica: i casi della chiesa polacca, ungherese e congolese

Alcune Conferenze episcopali hanno pubblicato vari chiarimenti. Qui segnalo le note di quella polacca, di quella ungherese di quella congolese.

Qualche dichiarazione è stata "pubblicizzata" in modo erroneo. È il caso del Comunicato della Chiesa polacca citata da qualche sito col titolo improprio: “L’episcopato polacco vieta la benedizione delle coppie gay e si unisce alla ‘ribellione’ contro la Fiducia supplicans”. Vi è ribellione? Non proprio. Vi è incapacità culturale di mediare un messaggio profondo, quello evangelico che non si confonde semplicemente e immediatamente con il livello cuturale e morale.

Il Comunicato più che vietare benedizioni propone una sinossi tra la Nota del 2021 e l’attuale Dichiarazione e ribadisce che tanto la Dichiarazione quanto la Nota del 2021 affermano che «non è escluso di benedire singole persone con tendenze omosessuali che manifestano il desiderio di vivere nella fedeltà ai disegni rivelati di Dio, come insegna la Chiesa».

È bene anche ricordare che ad oggi lo Stato polacco è uno degli ultimi cinque paesi appartenenti all’Unione Europea a non avere alcuna legge sulle unioni civili o sulle coppie di fatto assieme a Romania, Bulgaria, Lituania e Slovacchia. Il contesto socio-politico polacco è poi ben noto.


 La Nota della Conferenza episcopale ungherese è ancor più esplicita. Essa, considerando la situazione pastorale del Paese, ribadisce che le persone vanno benedette individualmente “indipendentemente dalla loro identità di genere e orientamento sessuale” e di evitare sempre benedizione di coppie (sia irregolari che dello stesso sesso). Va ricordato che in Ungheria solo nel 1961 il reato di omosessualità è stato depenalizzato ma alcune leggi contro l’omosessualità sono rimaste in vigore fino al 1978. La tensione e l'inclinazione politica anche di questo Paese sono risapute.

 

La Nota (ovvero una “mise au point”, un chiarimento, un commento…) della Conférence Episcopale Nationale du Congo (CENCO) va considerata per quel che è: il tentativo di non creare confusione nel comparare la benedizione per le coppie “irregolari” o di quelle composte da persone “dello stesso sesso” al sacramento del matrimonio. Per tale motivo, dunque, la CENCO, preoccupata della reazione di numerosi fedeli, dichiara di voler confermare i valori “cristiani e africani” e, per questo, dicono “di no alle benedizioni per le persone dello stesso sesso”.

Va evidenziato che la nota della CENCO afferma che la Chiesa congolese rimane fedele al papa e “alle proprie tradizioni” (“nos prenons aussi dans nos cultures”) e per questo non vuole introdurre la benedizione per evitare “confusioni”.

La stessa nota ribadisce la doverosa assistenza coi beni spirituali (ex cann. 213 e 1170) garantita a tutti e di non impartire “benedizioni” in contesti liturgici alle coppie eterosessuali, sebbene stabili, ma irregolari.

A me appare chiaro che l’ambito in cui si può leggere questa Nota della CENCO è quella delle “tradizioni locali” e di evitare “confusioni” in un contesto che vive di profondi tabù.

Va ricordato che in 32 paesi africani (su 54) l’omosessualità è ancora “illegale” e le punizioni vanno dalla sanzione amministrativa all’ergastolo (come il caso della Sierra Leone e dell’Uganda). In molti altri Stati l’omosessualità non è illegale giuridicamente ma de facto. Dalla sua indipendenza il Congo non ha ritenuto mai l'omosessualità illegale ma vive di tradizioni radicali e radicate rispetto alla sessualità: ragion per cui si comprende la Nota della CENCO.

Anche altre Conferenze episcopali nazionali in Africa hanno rifiutato le benedizioni per le coppie dello stesso sesso (Malawi, Zambia, Camerun, Costa d'Avorio, Togo, Ruanda, Angola e Sao Tomé).

Ma va ricordato anche le rispettive pene previste in questi paesi in caso di omosessualità: in Malawi e nello Zambia fino a 14 anni di prigione; in Camerun fino a 5 anni; in Togo l'omosessualità è illegale con pene fino a 3 anni di carcere; in Angola l’omosessualità non è illegale solo dal 2021. In Ruanda non è illegale ma è “argomento tabù”, come in Costa d’Avorio (Paese a maggioranza islamica, ex colonia francese che non ha ereditato, come il Congo, le leggi francesi sulla “sodomia”).

In Sao Tomé il Codice penale, entrato in vigore nel 2012, non penalizza gli atti omosessuali ma nello stesso tempo non riconosce né unioni civili né altre forme di tutela per le coppie omosessuali.

In altre parole, per tutte queste Conferenze episcopali africane (ovvero subsahariane) l’intenzione è la stessa: evitare il rischio di confusione e di scandalo in una società che vive di radicati tabù e non solo rispetto alla omosessualità.

  

Conclusioni

Sembra opportuno, dunque, ricordare che prima di sbandierare le Note dei Vescovi come “dichiarazioni contro Bergoglio”, i giornalisti, gli studiosi e gli amanti delle chat sui social, farebbero bene a controllare le fonti e i contesti culturali. 

È chiaro, infatti, che ogni contesto culturale e ogni tradizione ha bisogno di tempi e di spazi per comprendere ciò che accade in altri spazi e in altri tempi.

Questo non toglie che le indicazioni del Dicastero non siano state fraintese o ridimensionate. La reazione di alcune conferenze dice la diversità culturale più che dottrinale di alcuni approcci.

Nessuno vuole che i Paesi subsahariani comprendano il contesto europeo. Ma nessuno può volere che la dottrina passi solo dalla percezione culturale, animista e totalizzante, dei Paesi subsahariani o di quelli dell'est Europa.

 

 

[Nota: la panoramica presente potrà richiedere aggiornamenti]

 

Aggiornamento 6 gennaio 2024: Commento a nome della Conferenza Episcopale Tedesca (che annota come FS affronti la questione da una prospettiva pastorale, con linguaggio teologicamente misurato per una prassi pastorale responsabile, che, in altre parole, non fugge ai bisogni diffusi di vicinanza. Qui il Commento  di mons. Georg Bätzing, Presidente della Deutsche Bischofskonferenz


Commenti

Post popolari in questo blog

Se “theologia gaudia beatorum amplificat”

I "castighi" dell'atto di dolore: confondere formule, tradizione e coscienze

Necessità dell’unità ecclesiale e oscurità della categoria di “atto invalido”